Archivio mensile:ottobre 2019

Vera religione cristiana (109-113)

109. Tutte le chiese che esistettero prima dell’avvento del Signore, furono chiese rappresentative, che non poterono vedere le Divine verità, se non nell’ombra; ma dopo l’avvento del Signore nel mondo, è stata da lui istituita una chiesa che ha visto, o piuttosto che ha potuto vedere le Divine verità nella luce; la differenza è come tra la sera e la mattina. Il Signore, prima del suo avvento nel mondo, era certamente presente presso gli uomini della chiesa, ma in modo mediato, attraverso gli angeli che lo rappresentavano. Dopo il suo avvento, egli è presente immediatamente presso gli uomini della chiesa, perché nel mondo egli assunse anche il Divino naturale, nel quale è presente presso gli uomini. La glorificazione del Signore è la glorificazione della veste umana che egli assunse nel mondo; e l’umano glorificato del Signore è il Divino naturale. Che sia così, è evidente da questo, che il Signore risuscitò dal sepolcro con tutto il suo corpo che aveva nel mondo, e non lasciò nulla nel sepolcro; di conseguenza egli portò con sé lo stesso umano naturale, dai primi di esso, fino ai suoi ultimi; perciò dopo la resurrezione disse ai discepoli, che credevano di vedere uno spirito:

Vedete le mie mani e i miei piedi, sono io; palpatemi e vedete; perché uno spirito non ha carne, né ossa come vedete che io ho (Luca 24:37, 39) Continua a leggere

Vera religione cristiana (95-108)

95. V. Il Signore per gli atti della redenzione si è fatto la giustizia.

Si dice e si crede oggi nella chiesa cristiana che il merito e la giustizia appartengono al Signore solo, per l’obbedienza che egli portò a Dio Padre nel mondo, e principalmente per la passione sulla croce, e si è creduto che la passione e la croce sia stato l’atto stesso della redenzione, quando invece questa passione non fu l’atto della redenzione ma l’atto della glorificazione dell’umano del Signore, come si vedrà nel lemma seguente sulla redenzione. I fatti della redenzione, per i quali il Signore si è fatto giustizia sono consistiti in questo, che gli ha eseguito l’ultimo giudizio, che è stato fatto nel mondo spirituale, e allora ha separato i malvagi dai buoni, e i becchi dalle pecore. Ha cacciato dal cielo coloro che erano congiunti con le bestie del dragone; ha fondato un nuovo cielo tra quelli che ne erano degni, e un inferno tra coloro che erano degni di questo e ha rimesso successivamente nell’ordine tutte le cose dall’una e dall’altra parte; ed inoltre ha instaurato una nuova chiesa. Continua a leggere

Vera religione cristiana (81-94)

CAPITOLO SECONDO

Del Signore Redentore

81. Nel precedente capitolo si è trattato di Dio Creatore, e allo stesso tempo della creazione; in questo capitolo si dovrà trattare del Signore Redentore, e allo stesso tempo anche della redenzione, e nel capitolo seguente dello Spirito Santo e allo stesso tempo della Divina operazione. Per il Signore Redentore si intende Jehovah nella veste umana; infatti che Jehovah stesso sia disceso e abbia assunto la veste umana, al fine di operare la redenzione, sarà mostrato nei paragrafi seguenti. Se si dice il Signore, e non Jehovah è perché Jehovah dell’Antico Testamento si chiama il Signore nel Nuovo Testamento, come si può vedere da questi passi: Continua a leggere