Archivio mensile:agosto 2019

Arcana Coelestia (2404-2420)

Genesi 19, versetti 15-17

2404. Versetto 15. E quando l’alba sorse, gli angeli sollecitarono Lot ad affrettarsi, dicendo: Alzati, prendi tua moglie e le tue due figlie che hai trovato, per non essere travolto nell’iniquità della città.

Quando l’alba sorse, significa quando il regno del Signore si avvicina. Gli angeli sollecitarono Lot ad affrettarsi, significa che il Signore li tratteneva dal male e li manteneva nel bene. Dicendo, Alzati, prendi tua moglie e le tue due figlie che hai trovato, significa la verità della fede e le affezioni della verità e del bene. Hai trovato, significa che sono separate dal male. Per non essere travolto nell’iniquità della città, significa affinché queste non periscano a causa dei mali dalla falsità. Continua a leggere

Annunci

Arcana Coelestia (2386-2403)

Genesi 19 – versetti 12-14

2386. Versetto 12. Quegli uomini dissero a Lot: Hai ancora qualcuno qui? Genero, i tuoi figli e le tue figlie, e chiunque tu abbia in città, portali fuori da questo luogo.

Quegli uomini dissero a Lot, significa che il Signore mette in guardia coloro che sono nel bene della carità. Hai ancora qualcuno qui? Genero, i tuoi figli e le tue figlie, e chiunque tu abbia in città, portali fuori da questo luogo, significa che coloro che sono nel bene della carità, e tutto ciò che le appartiene deve essere salvato, e anche coloro che sono nel bene della fede, a condizione che recedano dal male. Il genero rappresenta le verità che sono associate alle affezioni del bene, qui sta per le verità che dovevano essere associate. I figli, sono le verità; figlie, sono le affezioni per il bene e per la verità. Chiunque tu abbia in città, significa tutto ciò che abbia una qualche derivazione dalla verità. Luogo è lo stato del male.
Continua a leggere

Vera religione cristiana (18-26)

Il Divino Essere che è Jehovah

18. In primis si tratterà del Divino Essere, e poi della Divina Essenza. Parrebbe esservi tra i due una perfetta identità; e nondimeno, l’Essere è più universale dell’Essenza, perché l’Essenza presuppone l’Essere, e dall’Essere viene l’Essenza. L’Essere di Dio, ovvero il Divino Essere, non si può descrivere, perché è al di sopra di ogni idea del pensiero umano; in questo pensiero non cade altro all’infuori di ciò che è creato e finito, ne resta escluso ciò che è non creato e l’infinito; e per conseguenza il Divino Essere. Il Divino Essere è l’Essere stesso, da cui sono tutte le cose, e il quale deve essere in tutte le cose affinché queste siano. Una nozione più compiuta intorno al Divino Essere può derivare dall’esposizione dei seguenti articoli: Continua a leggere

Vera religione cristiana (13-17)

13. Se non vi fosse un solo Dio l’universo non avrebbe potuto essere creato, né essere conservato.

Se dalla creazione dell’universo si può dedurre l’unità di Dio, è perché l’universo è un opera coerente come uno dai primi agli ultimi, e dipende da un solo Dio, come il corpo dipende dalla sua anima. l’universo è stato creato così affinché Dio possa essere onnipresente, tenere sotto il suo auspicio tutte e ogni singola cosa di cui è composto, e contenerlo perpetuamente come uno, il che è conservare. È perciò che Jehovah Dio dice che egli è il Primo e l’Ultimo, il principio e la fine, l’alfa e l’omega (Is. 44:6; A. 1p:8,17 e altrove); che egli fa ogni cosa, spiega i cieli e stende la terra da se stesso (Is. 44:24). Continua a leggere

Vera religione cristiana (4-12)

Dio Creatore

4. La chiesa cristiana, dal tempo del Signore, ha percorso le sue età, dall’infanzia all’estrema vecchiaia. La sua infanzia fu l’epoca in cui gli apostoli vivevano e predicavano in tutto il mondo la penitenza e la fede nel Signore Dio salvatore. che essi predicassero questi due punti, emerge da queste parole negli Atti degli apostoli:

Paolo attestava ai giudei e ai greci la penitenza verso Dio e la fede in nostro Signore Gesù Cristo (Atti 20:21)
Continua a leggere